Archivi categoria: Attività e iniziative

Il 12 ottobre colleghi e cittadini in piazza Montecitorio

IMG_3630Dall’editoriale del Segretario Generale Gianni Tonelli:

“Cari colleghi, perché la scelta di manifestare ad ottobre? Abbiamo scelto di manifestare ad ottobre perché è il mese in cui viene messa a punto la legge di stabilità, dalla quale dipendono i fondi, i soldi, che speriamo siano destinati a rendere più dignitosa la nostra condizione lavorativa.
Mi dispiace che non abbiate ancora ricevuto la busta paga di ottobre, perché se da questa busta paga toglierete la parte una tantum, vi renderete conto che il vostro stipendio è calato di 80 euro, perché queste 80 euro sono i soldi che sono serviti per finanziare uno sdriordino, che non è un riordino, ma che è soltanto una riparametrazione. In questo contesto ci troviamo difronte a un contratto, sul quale ad oggi ci sono soltanto 11 euro nette al mese per agente.” Continua a leggere qui

“Non compleanno contratto”

incontro con il prefetto di bergamo

Questa mattina 29 luglio 2016 alle ore 08.00, il Segretario Provinciale Maurizio Cester, accompagnato da una delegazione della Segreteria, ha avuto un incontro con il Prefetto di Bergamo Dott.ssa Francesca FERRANDINO, alla quale ha consegnato, brevi mano, una lettera da inoltrare al Ministro per la semplificazione e la pubblica amministrazione Onorevole Marianna MADIA, riguardante il rinnovo dei contratti, in quanto il governo ha negato ai lavoratori pubblici dei comparti della sicurezza il diritto ad una retribuzione sufficiente e proporzionata alla quantità e qualità del lavoro svolto.

Bergamo, poliziotti con la Spy Cam. Filmerà tutto quello che accade

bergamo-poliziotti-con-la-spy-camfilmera-tutto-quello-che-accade_a23b6670-bb4a-11e4-99c1-db342e5d86ff_998_397_big_story_detailEco di Bergamo“, 23 febbraio 2015

” Il Sap di Bergamo – sindacato autonomo di polizia – ha voluto in questo modo lanciare una provocazione al Governo, dal quale gli agenti non si sentono tutelati. L’obiettivo – hanno spiegato dal sindacato, con il segretario provinciale Maurizio Cester – è evitare inutili processi ai quali gli uomini delle forze dell’ordine spesso vengono sottoposti con motivazioni pretestuose o strumentali. Non ci sarà più spazio per le interpretazioni dei fatti, perché le immagini e l’audio registrato sgombreranno qualsiasi equivoco.

La tutela vale anche alla rovescia: i poliziotti che indosseranno la Spy Cam saranno sicuramente ancora più corretti nel loro modo di rapportarsi con chi incontrano.

Lunedì mattina cento Spy Cam sono state consegnate agli iscritti al Sap di Bergamo, che si sono autotassati per averla (il costo è di 45 euro). In totale alla Questura di Bergamo fanno attualmente capo 235 agenti.

Una volta infilata nel taschino e accesa, la telecamera resterà accesa per tutto il turno (6-8 ore): i poliziotti salveranno quindi i filmati da conservare come prova. Per la presentazione dell’iniziativa sono arrivati a Bergamo anche il segretario nazionale del Sap, Piergiorgio Panzeri, il regionale, Giuseppe Calderone, e l’organizzativo, Stefano Memoli.

Durante la conferenza stampa hanno voluto anche segnalare le gravi difficoltà, per carenza di uomini, in particolare all’aeroporto e alla polstrada di Seriate. Due nodi nevralgici soprattutto in vista dell’Expo. Il Governo – hanno detto dal Sap – «forse non s’è accorto che Orio è il terzo scalo d’Italia per numero di passeggeri, che aumenteranno con l’Expo, così come aumenteranno i transiti sull’A4».

I poliziotti potrebbero trovarsi – denuncia il Sap – ad affrontare attacchi terroristici portati da pazzi armati di kalashnikov con pistole Beretta calibro 9 e giubbotti antiproiettile scaduti. Inoltre con una formazione praticamente inesistente. “